0864 272407

SPEDIZIONE GRATUITA 

Vetreria Peligna

SPEDIZIONI GRATUITE

RESO GRATUITO IN CASO DI ROTTURA

PAGAMENTI SICURI

Quali vetri usare per una porta scorrevole?

Quali vetri usare per una porta scorrevole?

vetro di sicurezza Nello scegliere le porte interne del vostro ambiente, uno degli elementi importanti da non sottovalutare è la tipologia di vetri da usare.

Ma come scelgo i vetri satinati per le porte? Con quali criteri posso effettuare una scelta giusta?

Iniziamo dicendo che la tipologia di vetri da usare sono molteplici e sono :

Vetro Float da 4mm  a 6mm di spessore;
Vetro di sicurezza stratificato con spessore da 6mm  a 10mm di spessore;
Vetro Float temperato da 6mm a 10mm di spessore;
Vetro stratificato temperato da 6mm  a 10mm di spessore;

Prima di orientarvi sulla scelta del vetro, vi diamo una breve spiegazione dei vetri sopracitati.

A) Il vetro Float è un vetro “semplice”, disponibile in vari spessori ma che in caso di rottura produce pezzi grandi (poco sicuro);

B) Il vetro stratificato di sicurezza (vedi foto) è un vetro formato da 2 lastre di vetro, tenute insieme da un PVC plastico. In caso di rottura, il vetro non produce nessun residuo e i pezzi rimangono incollati al PVC (Molto sicuro);

C) Il vetro Float temperato è un vetro “semplice” che viene sollecitato alle alte temperature e raffreddato immediatamente. Questo processo chiamato “tempera”  produce uno shock termico al vetro e lo rende più resistente agli urti. In caso di rottura, il vetro collassa verticalmente producendo tantissimi piccoli pezzi di vetro innocui. ( Molto sicuro);

D) Il vetro temperato stratificato sono 2 lastre di vetro temperato, tenute insieme dal PVC plastico. In caso di rottura produce tantissimi piccoli pezzi che rimangono attaccati al PVC. (Molto sicuro);

rottura vetro

Quindi ora che abbiamo un’pò le idee più chiare su quali tipi di vetro esistono in commercio, vediamo quali sono quelli più idonei alle nostre esigenze.

Se a casa montiamo una porta classica di legno a battente,  noi consigliamo sempre un vetro stratificato, con uno spessore almeno da 6, questo per evitare che bruschi colpi oppure colpi d’aria possano provocare rotture. Per esempio se montiamo una porta con vetro stratificato, in caso di rottura, il vetro rimarrà dentro la sede della porta,senza far cadere pezzi;  invece se montiamo un vetro temperato, in caso di rottura, il vetro cade a terra verticalmente producendo piccolissimi pezzi innocui.

Se a casa montiamo una porta scorrevole, noi consigliamo sempre un vetro temperato, con uno spessore da 10mm. Questo perchè una scorrevole subisce molte sollecitazione, specialmente se consideriamo che alcuni kit non hanno ammortizzatori, quindi le aperture e chiusure possono essere secche. Inoltre  alcuni kit, richiedono una lavorazione sul vetro (fori) per fissare le pinze, che andranno poi a scorrere sul binario. Come abbiamo capito il vetro dovrà essere il più resistente possibile e questo lo possiamo ottenere solo i vetri temperati.

Ora che hai le idee più chiare ti consigliamo di dare uno sguardo ai nostri vetri decorati di sicurezza.!

[wpi_designer_button id=’5152′]

Cosa è un vetro di sicurezza?

Cosa è un vetro di sicurezza?

COME E’ FATTO UN VETRO DI SICUREZZA?

Un vetro di sicurezza, diciamo subito che possiamo distinguerlo in due diversi tipi:

  1. Vetro stratificato o laminato;
  2. Vetro Temperato;

plastico pvb

1) Il vetro stratificato viene chiamato anche laminato vetro laminato è un vetro di sicurezza che in caso di rottua evita la formazione di molti pezzi. Grazie ad uno speciale strato di polivinilbutirrale (PVB), posto tra le due lastre di vetro, mantiene incollati i frammenti di vetri  che lo circondano. Cosi facendo se il vostro vetro si rompe, rimane all’interno della porta evitando di mettere in pericolo persone e oggetti. La rottura del vetro si manifesta con una caratteristica forma a ragnatela.

Come accennato, l’uso di questa tipologia di vetro risulta fondamentale in quegli oggetti potenzialmente pericolosi per l’uomo in seguito alla rottura.

vetro rotto

2) Un’altra tipologia di vetro di sicurezza è il vetro temperato. Questo un vetro che viene immesso in una fornace con un trattamento termico di circa 700° e successivamente viene raffreddato immediatamente, in modo da renderlo più resistente  sia alle sollecitazioni sia allo shock termico. Rispetto allo  stratificato  il vetro temperato si divide in tanti piccoli pezzi quando si rompe, non causando nessun danno a persone.
L’uso di questo tipo di vetro è consigliato sopratutto per cabine doccia, per porte in vetro e per vetro per porte interne, in quanto grazie al processo termico che ha subito, resiste a temperature fino a 250°.

COSE E’ IL FILM PLASTICO DI POLIVINILBUTIRRALE?

1) Il film plastico di Polivinilbutirrale, viene posto tra le due lastre di vetro in modo da unirle saldamente e da renderle uniche ed ha caratteristiche di elasticità ed adesione stabile nel tempo. Proprio la sua elesticità consente al vetro di sicurezza, in caso di rottura, di non far cadere i  frammenti di vetro pericolosi e di restare  in opera fino alla sostituzione.

2) Il vetro temperato non presenta nessun tipo di film, in quanto è un’unica lastra dello spessore desiderato.

COME RICONOSCERE UN VETRO DI SICUREZZA?

vetro molato

1) Per riconoscere un vetro di sicurezza, già incluso in una porta o in una finestra, diciamo subito che è abbastanza complesso. Normalmente si possono dare dei leggeri colpetti con il pugno della mano e provare a sentire il rumore che si produce. Un vetro stratificato, produce un rumore cupo dovuto alle due lastre di vetro ed al plastico tra i due, mentre un vetro non di sicurezza produce un rumore molto più acuto.

Se invece avete la possibilità di controllare il bordo o perimetro del vetro, riconoscerlo sarà molto semplice. Infatti come mostrato dalla foto, il vetro di sicurezza tra le due lastre, ,inferiore e superiore, presenta un filetto bianco, che rappresenta il plastico PVB di sicurezza.

2) Secondo la normativa vigente, ogni vetro temperato dovrebbe avere una sua etichetta di identificazione,  purché ne sia garantita la non rimozione. Vi consiglio di ispezionare con molta attenzione i quattro angoli del vetro, alla ricerca del marchio d’identificazione apposto dal fabbricante o della dicitura “tempered“.

COSA SIGNIFICA 33.1 O 6/7?
stadip 1) Un vetro stratificato a seconda della sua composizione ha una specifica denominazione.  Per esempio se diciamo 33.1, significa che il vetro stratificato è composto da 2 lastre di vetro con spessore 3mm(33), mentre il numero 1 dopo il punto indica la presenza di un solo film in PVB.
Quindi se dico 44.1 significa 2 lastre da 4mm(44) ed un solo film in PVB.

Ovviamente a seconda della tipologia di vetro usato, cambia anche lo spessore della vetro. Nel caso di un 33.1 abbiamo uno spessore di poco inferiore a 7mm, perche 2 lastre da 3mm fanno uno spessore di 6mm più il film plastico ci avviciniamo a 7mm. Questi vetri sono anche chiamati in gergo 6/7.

Nel caso del 44.1 invece abbiamo un totale di 8mm, dovuto alla somma di 2 lastre da 4mm più il film plastico che ci porta ad un valore di poco inferiore a 9mm. Questi vetri sono chiamati in gergo 8/9.

2)  I vetri temperati vengono denominati a seconda del loro spessore. Per esempio un 5mm sarà chiamato “5mm temperato” e cosi tutti gli altri.

schema rottura vetroSCHEDA DI SICUREZZA VETRO

[si-contact-form form=’4′]